i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy webcam Chat  | ChoCam Mature webcam  |  Live18 |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Il corso di spagnolo era giunto all’ultima lezione.
I ragazzi con cui frequentava ogni martedì sera il corso le avevano organizzato una festa a sorpresa per i suoi 24 anni. Così il giorno del suo compleanno, che cadeva proprio di martedì, al termine delle due ore di corso, invitarono Ilaria ad aspettare all'interno dell'aula dove il corso abitualmente si svolgeva dal momento che ci sarebbe stata una sorpresa per lei, così le avevano detto.
Ilaria era eccitatissima, amava le sorprese; quella che però si presentò davanti ai suoi occhi pochi minuti dopo non se la sarebbe mai potuta immaginare.
Erano cinque i ragazzi che avevano deciso di partecipare alla sorpresa su un totale di otto partecipanti al corso; Matteo, Davide, Andrea, Luca e Roberto. Insieme a Ilaria c'erano altre cinque ragazze che frequentavano il corso ma non erano state informate di nulla ed avevano già lasciato l'edificio scolastico ad eccezione di un paio di curiose che si erano fermate vedendo uno dei ragazzi chiedere a Ilaria a restare in aula e che furono subito invitate ad andarsene.
L'insegnante di spagnolo, una bella ragazza madrelingua di 35 anni (principale motivo per cui la quasi totalità dei ragazzi frequentava il corso) era stata la prima a lasciare l’istituto al termine del corso, come sempre accadeva.
Tutti i ragazzi uscirono dall’aula ad eccezione di Matteo che si avvicinò a Ilaria e la bendò, uscendo poi a sua volta chiudendosi la porta alle spalle e lasciando la ragazza sola e assorta nei suoi pensieri.
Cosa si poteva aspettare Ilaria? Con la maggior parte di quei ragazzi non aveva scambiato nemmeno un parola se non un saluto e qualche battuta in spagnolo durante le lezioni.
Quello che forse si aspettava era che un ragazzo si dichiarasse a lei, magari con in mano un mazzo di fiori e lei sarebbe rimasta imbarazzatissima. Già pensò a come poterlo scaricare senza umiliarlo troppo, dal momento che era felicemente fidanzata da ormai due anni.
Ma niente la fece mai sentire in imbarazzo come quello che successe pochi minuti dopo.
La porta dell'aula si aprì ed entrarono Davide e Matteo; quest'ultimo, a petto nudo, trascinava un carrello davanti a se su cui qualcosa era coperto da un telo.
Non era difficile capire che quel telo nascondeva una torta di compleanno.
Quello che sconvolse Ilaria fu quello che riuscì a vedere quando Davide, postosi dietro di lei, le tolse la benda dagli occhi. Matteo scostò il carrello spingendolo lentamente in avanti e si mostrò completamente nudo di fronte alla ragazza.
Ilaria non fece in tempo a stupirsi che, girandosi, si accorse che anche Davide non indossava nulla.
Entrarono quindi nella stanza gli altri tre ragazzi anch'essi completamente nudi, disponendosi in fila uno di fianco all'altro.
Ilaria si portò una mano alla bocca, non sapeva se ridere o cominciare a preoccuparsi. Imbarazzatissima cercava di distogliere lo sguardo ma uno ad uno guardò il membro penzolante di ognuno di loro.
Matteo prese quindi la parola; "Buon compleanno, Ilaria!" - disse.
I ragazzi applaudirono e fecero partire per lei in coro la classica canzone di buon compleanno mentre Ilaria, già di per se abbronzata, diventava sempre più rossa.
"Coraggio, vieni a prendere il tuo regalo" - disse poi Andrea facendo cenno con la mano verso di lui.
Ilaria rimase seduta immobile, non aveva veramente idea di cosa fare.
"Su vieni, non fare la timida" – disse ancora Matteo avvicinandosi a lei.
Ilaria abbassò per un momento lo sguardo sul cazzo di Matteo e lo distolse repentinamente. Matteo tese una mano verso di lei.
Ilaria prese la mano di Matteo e si alzò in piedi. Matteo la portò davanti ai ragazzi, quindi le lasciò la mano e si avvicinò al carrellino. Tirò via il telo e scoprì una grossa e rotonda torta alla panna.
"Oggi è il tuo compleanno e questa è la tua festa...decidi tu quale regalo prendere in bocca prima", disse Matteo alla ragazza.
Gli altri ragazzi sogghignarono, alcuni di loro tenendo in mano il proprio cazzo avevano già iniziato a masturbarsi lentamente.
Ilaria era eccitata e impaurita allo stesso tempo. Era ancora convinta che prima o poi le dicessero che era tutto uno scherzo e lei non voleva certo abboccare.
Ma non era uno scherzo e se ne rese conto quando Luca le mise una mano sulla testa e la invitò ad abbassarsi verso il suo cazzo. Ilaria era talmente bassa che in ginocchio non sarebbe arrivata a prendergli il cazzo in bocca, così rimase in piedi piegata in avanti in una posizione talmente scomoda e umiliante da far eccitare ancora di più il ricevente del pompino. Luca glielo spinse in bocca per un paio di minuti, poi la lasciò libera di prendere in bocca quello di Roberto che attendeva impaziente in piedi di fianco a lui.
Ilaria succhiò il cazzo di Roberto nella medesima scomoda posizione. Per essere il giorno del suo compleanno non le stavano certo rendendo la vita semplice. Il cazzo di Roberto era più grosso è più duro di quello di Luca e Ilaria fece più fatica soprattutto quando Roberto spingeva per farcelo stare per intero nella bocca della ragazza.
Ilaria tossì facendosi uscire di bocca il cazzo di Roberto insieme ad un rivolo di sperma. Fu poi il turno di Andrea. Questa volta Ilaria ottenne il permesso di inginocchiarsi e cercando di stare dritta con la schiena lo prese nuovamente in bocca. I ragazzi non le lasciavano un attimo di tregua; Andrea decise prima di tapparle il naso per rendere più eccitante il pompino e poi di toglierle di dosso la maglietta mentre lei continuava imperterrita a spompinarlo.
Toccò poi a Davide, che le abbassò il reggiseno facendone scivolare fuori il prosperoso seno e che prima di ricevere il pompino si fece abbondantemente leccare le palle, e poi a Matteo che, voltandosi davanti a lei si fece leccare l'ano tra le risate, gli applausi e le urla scimmiesche degli altri ragazzi per poi metterglielo in bocca.
Matteo fece poi alzare in piedi Ilaria, le slacciò la cintura e le abbassò davanti a tutti pantaloni e mutandine.
"Adesso passiamo alla torta", disse avvicinandosi alla stessa.
Prima Matteo ne tagliò una fetta e la poggiò su di un piattino, quindi insieme a Davide sollevarono Ilaria di peso e la misero a sedere sul tavolo facendole appoggiare il culo proprio sulla torta; le chiesero poi da seduta di allargare il più possibile le gambe in modo che potessero contemplare la sua splendida vagina.
Luca e Roberto la baciarono a turno in bocca mentre Andrea e Davide approfittarono del suo stato confusionale per palparle e schiaffeggiarle le tette.
La invitarono quindi ad alzarsi e voltarsi per mostrare loro il suo bel culetto ornato dalla panna. Matteo avvicinò il viso e cominciò a leccarla via passando la sua lingua tutta intorno al buco del culo di Ilaria.
Ilaria provò segretamente un grande piacere nel farsi leccare il culo, lo viveva come un riconoscimento della sua superiorità di donna, poco importa se qualche minuto prima era in completa balia dei ragazzi che glielo spingevano in bocca a loro totale piacimento. Quando Matteo smise di leccarle il culo si avvicinò a lei Davide che la fece girare di spalle, le mise una mano sulla schiena invitandola a piegarsi in avanti e quindi le spinse il viso su quello che restava della sua bellissima torta di compleanno.
"Non ti muovere" - le disse. Mente Ilaria teneva la faccia sulla torta Davide avvicinò il viso alle gambe di Ilaria e cominciò a leccarle via la panna dalla parte inferiore della vagina. Ilaria cercò di rialzare il viso per riprendere fiato ma Matteo le mise prontamente una mano sulla testa costringendola a sprofondare nuovamente il volto nella torta che pochi minuti prima aveva sotto al culo.
Davide si alzò in piedi e tirandola per i capelli le tolse il volto dalla torta. Faceva fatica a respirare Ilaria con tutta la panna che le si era infilata nel naso.
Davide si appoggiò dietro di lei strofinandole addosso il suo cazzo duro come il marmo.
I ragazzi volevano di più adesso e forse lo voleva anche Ilaria. Erano tutti in cerchio intorno a lei, piegata a pecorina sul carrello. Davide avvicinò la testa all'orecchio della ragazza; "Ti va di farti montare come la panna che hai sulla faccia?" - le chiese ironicamente.
I ragazzi ne avevano parlato prima di organizzare il tutto; non se la sarebbero scopata se lei non lo avesse voluto. Ma ora non erano più così convinti che Ilaria non volesse farsi fottere in tutti i buchi da quella mandria di giovani ragazzi arrapati.
Ilaria ci pensò un attimo riflettendo sulla situazione in cui si trovava. Era senza mutande a pecorina su un carrello per i dessert e si era appena fatta leccare via la panna montata dal culo, la stessa panna montata che adesso le ricopriva per intero il viso.
"Fate piano, per favore" - si limitò a dire.
Davide mirò il buco e glielo infilò nel culo facendole emettere un grido di piacere. Cominciò a fotterla, il carrello si muoveva avanti e indietro favorendo il movimento. Mentre la inculava Davide le prese le braccia e gliele spostò dietro la schiena.
Luca si avvicinò a Ilaria leccandole via la panna dal viso mentre Davide non smetteva un attimo di spingerglielo dentro.
Gli altri ragazzi assistevano alla scena impazienti che arrivasse il loro turno.
Se la sarebbero fottuta tutti, nessuno voleva rinunciare all'occasione di rendere ancora più memorabile il giorno del suo ventiquattresimo compleanno.
A turno Ilaria prese alternativamente tutti e cinque i cazzi nella vagina e nel culo.
Quando finirono di abusare dei suoi buchi Matteo le chiese di inginocchiarsi mentre i ragazzi si disponevano a cerchio intorno a lei. Non appena alzò lo sguardo si vide circondata dai loro cazzi, alcuni glielo appoggiavano sui lunghi capelli castani, altri glielo strofinarono sul naso, qualcuno ne approfittò per farsi fare un ultimo pompino prima del gran finale.
Matteo prese in mano il piattino con la fetta di torta tagliata appositamente per Ilaria e lo mise nelle mani della ragazza, che pochi secondi dopo realizzò quali fossero le intenzioni dei ragazzi, quando Matteo le disse di aspettare a mangiare la torta in quanto dovevano ancora farcirla con un ingrediente speciale. I primi schizzi dell'ingrediente speciale uscirono dal membro di Luca e vennero indirizzati unicamente sulla torta, tranne qualche goccia che finì sulle mani della ragazza intenta a tenere alto il piattino. La stessa cosa fece Roberto mentre Davide decise di venire solo in minima parte sulla torta e di correggere poi il tiro verso il viso della ragazza schizzandola all’altezza dell’occhio sinistro e causandole non pochi problemi a tenere gli occhi aperti.
Andrea ritenne che la torta era stata farcita abbastanza e decise così di dedicare unicamente i suoi schizzi alla stessa Ilaria sborrando a sua volta copiosamente sul viso e sui capelli della ragazza.
Matteo fu l'ultimo a venire. Se lo fece succhiare ancora un po' da Ilaria fino a eiacularle direttamente in bocca intimandola poi di non ingoiare.
"Sputa" - le disse avvicinandole il piattino con la torta alla bocca.
Ilaria lasciò che il liquido seminale le colasse lentamente dalla bocca sulla torta e si eccitò mentre una goccia di sperma le colava da sotto il mento lungo il collo finendole sul seno.
Matteo raccolse dal carrello una piccola forchetta e la diede ad Ilaria.
"Ancora tanti auguri" - le disse accarezzandole la testa. I ragazzi erano ancora tutti intorno a lei ed aspettavano con impazienza di assistere alla scena. Roberto e Luca decisero di riprenderla con il telefonino mentre gli altri si limitarono a scattarle qualche foto ricordo.
"Aspetta bimba...lascia che ti imbocchi io..." - disse Matteo togliendo dalle mani di Ilaria la forchetta che poco prima le aveva consegnato. Si inginocchiò davanti a lei e tagliò un primo pezzettino di torta. "Apri la bocca che arriva l'aeroplanino" - le disse.
Ilaria aprì la bocca e Matteo le infilo dentro la torta.
Cominciò ad imboccarla sempre più rapidamente, senza aspettare che Ilaria mandasse giù la torta che aveva in bocca era già pronto il pezzo successivo. I filamenti di sperma si mischiavano alla panna nella bocca di Ilaria mentre la stessa cercava di ingoiare la torta il più velocemente possibile.
Matteo lasciò cadere a terra la forchetta e cominciò a staccare pezzi di torta con le mani; li avvicinò alla bocca di Ilaria e cercò di spingerglieli dentro fino a che non fu più la torta che cadeva dalla bocca della ragazza che quella che riusciva ad entrare.
Quando la torta nel piatto fu esaurita Matteo prese Ilaria per una ciocca di capelli e le spinse la testa verso il basso invitandola prima a raccogliere con la bocca e ad ingoiare anche i pezzi caduti per terra e successivamente a leccare gli ultimi residui di panna dal pavimento.
I ragazzi la guardarono per un’ultima volta, qualcuno si avvicinò per accarezzarle i capelli e rinnovarle gli auguri, poi piano piano uscirono tutti e ripresero rumorosamente la via verso l'aula dove si erano spogliati per riappropriarsi dei propri indumenti e tornare a casa.
Ilaria restò sola nella stanza. Mentre cercava di risistemarsi come meglio poteva il suo cellulare suonò; era la mamma.
"Ciao bimba! Ma dove sei??" - le chiese.
"Ciao mamma...sono uscita a bere qualcosa con i miei compagni del corso...stò per tornare a casa...." - rispose Ilaria.
"Sbrigati, ti aspettiamo...qui siamo tutti pronti manchi solo tu...c'è il papà, tuo fratello e anche Marco! Ti ho preparato la torta che ti piace tanto!" - disse ancora la mamma di Ilaria.
"Grazie mamma...arrivo" - disse Ilaria prima di chiudere la chiamata pensando al confronto tra quanto amore ci aveva messo la sua mamma nel prepararle una torta per festeggiare il suo compleanno e a quello che invece le avevano combinato i ragazzi umiliandola e costringendola a mangiare una torta ricoperta del loro sperma. Pensò anche al suo fidanzato Marco e si sentì in colpa per aver fatto di lui un cornuto proprio nel giorno in cui lui era a casa ad aspettarla per festeggiare insieme il suo compleanno. Era stata lei a volerlo, lei aveva dato il suo consenso a farsi scopare senza ritegno. Era stata lei a non fare la minima opposizione quando le mettevano in bocca quell'impasto di torta e sperma.
E la cosa più importante era che doveva ammettere a se stessa che tutto questo le era anche piaciuto.
Il problema principale di Ilaria era ora quello di darsi una lavata prima di presentarsi a casa.
Si sarebbero accorti subito di quello che aveva fatto prima ancora che il suo ragazzo lo capisse guardandole il culetto arrossato.
Ilaria tirò fuori dalla borsa un fazzoletto e se lo passò sul viso e sul seno cercando di ripulirsi come meglio poteva dallo sperma che aveva addosso.
Si rivestì, prese la sua borsa e si avviò verso casa. Fisicamente si sentiva distrutta ma dentro di lei decise di farsi forza e di non rimproverarsi nulla in merito a quanto era successo. Il corso di spagnolo era finito e quei ragazzi probabilmente non li avrebbe nemmeno mai più rivisti mentre loro avrebbero continuato a rivederla, con il viso grondante di sperma, sui display dei loro telefoni cellulari.
Note finali:
per suggerimenti, critiche e commenti:
imthirtysixdegrees@gmail.com
imthirtysixdegrees.wordpress.com