i racconti di Milu
racconti erotici per adulti

| Sexy Video Chat | Gay Cam | Messenger - NEW |

[ - ] Stampante
Indice
- Text Size +
Mi farebbe piacere alla fine del racconto se mi scriveste per commenti/suggerimenti/amicizia, etc. alla mia mail: sense40@hotmail.it

Era un tiepido giorno di maggio e i miei avevano deciso di fare quella visita ai miei zii, anche se un po’ malvolentieri, visto che i rapporti tra loro non erano più quelli di un tempo.
Anche io, appena maggiorenne, andai con loro sapendo bene che la giornata sarebbe stata parecchio noiosa.
L’unica cosa che mi incuriosiva era il pensiero della mia cuginetta, mia coetanea, che non vedevo da diversi anni.
Me la ricordavo non troppo carina ad essere sincero e neanche granchè formosa se è per questo, però in cuor mio speravo che la sua compagnia potesse essere l’unica occasione per passare la giornata senza farmi due marroni così!
Gli zii vivevano in un’altra provincia, in una splendida casa di campagna completamente circondata da campi, frutteti e prati.
Beh il posto era ideale per passare una domenica di relax, anche se i miei ormoni mi avrebbero fatto preferire ben altro, ma visto che i miei ci tenevano tanto che io andassi con loro, mi unii a questa allegra carovana per passare questa benedetta domenica campagnola!
Appena arrivati gli zii furono molto cordiali, probabilmente ci tenevano molto a vederci e magari rinsaldare i legami che ormai da tempo si erano allentati per varie cause.
La giornata era davvero piacevole e i profumi dei fiori si mescolavano con naturalezza con gli odori che venivano dalla finestra della cucina che dava proprio nel cortile dove ci trovavamo.
A giudicare da quello che arrivava alle mie narici, sulla pentola stava cuocendo lentamente un ragù di quelli che avrebbero fatto risvegliare un morto, e non osavo pensare a quello che di altro stava in frigo ed in forno!
Se c’era una cosa su cui niente si poteva dire a mia zia era proprio la sua capacità di preparare gustosissimi manicaretti!
L’unica nota stonata in quel momento era però la mancanza della mia cuginetta Valeria: strano davvero che non fosse lì a riceverci…
Fu subito la zia che, intuendo l’imbarazzo, ci confessò che Valeria era ancora in camera che si stava preparando!
“Vedi un po’ la cugina che si fa bella per noi” pensai con un po’ di malizia e seguii gli zii ed i miei dentro casa.
Dopo averci fatto accomodare la zia ci chiese un po’ di come andavano le cose e si iniziò a parlare di futilità ed altro, non ultimo di come avessi festeggiato i miei diciotto anni e di come parallelamente li avesse festeggiati Valeria e così via.
Dopo una buona mezz’oretta di chiacchiere assolutamente inutili per me, la mia pazienza cominciava a dare segni di cedimento e la voglia di scappare da lì iniziava ad insinuarsi pian pianino.
Ecco che allora, forse qualcuno mi ascolta lassù, scende dal piano superiore Valeria: due gambe lunghe ed affusolate, una mini vertiginosa che poco lasciava all’immaginazione, un golfino di cotone chiaro che nascondeva a fatica due seni di terza, se non quarta misura, e questa splendida chioma bionda che incorniciava un viso pulito, ben truccato, ma su cui primeggiavano due intensi occhi verde mare.
Non potei fare a meno di nascondere l’emozione nel vedere questa splendida fanciulla che lentamente, gradino dopo gradino, raggiungeva il soggiorno che fino ad allora era stata la mia prigione piena di chiacchiere, pettegolezzi e futilità!
Valeria si avvicinò con estrema grazia e venne a salutarci baciandoci con affetto, in particolare me, e stupendosi anche lei di ritrovare un cugino alto, tonico e sicuramente attraente.
Venne a sedersi proprio accanto a me, ed in quel momento non potei fare a meno di non riempirmi le narici del profumo che aveva su, delicato ma molto molto eccitante!
Rimanemmo a parlare del più e meno per un po' quando ad un tratto mi propose di lasciare da soli i nostri genitori e di fare una passeggiata per i prati circostanti, così da parlare un po' più di noi, visto che non ci vedevamo da anni!
Io accettai molto volentieri, visto che l'alternativa era sicuramente molto più allettante di stare ad ascoltare le chiacchiere che fino ad ora ero stato costretto ad ascoltare.
Così uscimmo da casa e ci incamminammo lungo il sentiero che da casa degli zii si snodava lungo i campi che coprivano la collinetta su cui ci trovavamo.
Iniziò allora a chiedermi di me, di come andassero gli studi, di quello che volevo fare dopo la maturità, e nello stesso tempo con la grazia che la contraddistingueva, mi diceva parallelamente delle sue cose, studi, etc...
Parlando parlando ci ritrovammo in un bellissimo prato pieno di fiorellini profumati, e decidemmo di sederci lì per continuare la nostra piacevole discussione.
Il prato era distante dalla casa degli zii e le case più vicine erano ancora più lontane e quasi invisibili, visto che il paesaggio collinare era tale da costringere le abitazioni a non restare troppo addossate l'una all'altra, anzi...
La nostra chiacchierata ad un tratto prese una piega diversa, visto che lei iniziò a chiedermi anche della mia vita sentimentale e dei miei eventuali amori.
Io, nonostante i miei diciotto anni, dovevo proprio confessare di non avere avuto esperienze particolari con l'altro sesso, anche perchè mi ero buttato a capofitto negli studi e le mie avventure sentimentali erano state relegate in secondo piano!
Le confidai quindi, non senza un gran pudore, di quella che era stata la mia vita amorosa fino ad allora, e mentre lo dicevo mi pentivo delle mie parole perchè sapevo che mi sarei giocato per sempre la mia reputazione nei confronti di quella che aveva tutta l'aria di essere una ragazza che in amore e non solo doveva saperla ben lunga.
Rimasi allora estremamente sorpreso quando anche lei mi confidò che nonostante la sua avvenenza e un lungo stuolo di ragazzi che le sbavavano dietro, non si era mai sentita pronta a buttarsi tra le braccia di un altro uomo, se non pochi anni prima, quando si era presa una bella cotta per quello che aveva rappresentato la più grande delusione della sua vita, visto che pochi mesi dopo averla in un certo senso “usata” l'aveva lasciata per l'amica del cuore di lei.
Nel raccontarmi di questa vicenda, non potei fare a meno di non notare nei suoi suoi splendidi occhi colore del mare un velo che presto si trasformò in timide gocce di pianto.
Nel vedere come il ricordo ancora le faceva del male, istintivamente le cinsi le braccia alla vita e le feci appoggiare la testa sulla mia spalla, baciandola teneramente sui capelli.
Mi stupii anche io al momento, di questa mia improvvisa sfacciataggine, ma la cosa credo colpì anche lei, se tutto ad un tratto mi confidò che era da tempo che non stava così bene accanto ad un uomo.
Restando in quella posizione mi confidò quindi che nonostante tutto le sue esperienze sessuali erano davvero poco più che infantili, anche perchè quel ragazzo evidentemente non era riuscito a “fare breccia” nel suo pudore, e quindi non era stato capace di rubarle se non qualche leggera palpatina all'inguine sempre attraverso le mutandine.
Ero davvero sorpreso di come questa ragazza che in un certo senso era come una sconosciuta, visto che non ci si vedeva da anni, si stava aprendo con me, raccontandomi avvenimenti comunque delicati ed intimi della sua adolescenza.
Ad un tratto, con estrema naturalezza, mi confessò che le mancava non aver potuto approfondire le sue esperienze quando era il momento e che si riteneva davvero infantile nel suo rapporto con l'altro sesso.
Queste parole suscitarono in me delle sensazioni contrastanti, da un lato un certo senso di tenerezza e protezione per una donnina che aveva tutto da imparare sul sesso, e dall'altro lato una specie di eccitazione per quella che poteva essere l'avventura in una “terra inesplorata” in un certo modo.
Evidentemente l'eccitazione prese il sopravvento se tutto ad un tratto sentii indurire il mio uccello dentro i calzoni, e nello stesso tempo sentii le mie guance diventare calde e rosse per la vergogna di quello che stava succedendo...
Evidentemente in tutto ciò molto giocava avere tra le mie braccia quella bellissima fanciulla, sentire il suo profumo che solleticava tanto i miei sensi, e godere del calore che il suo corpicino mi trasmetteva.
Credo che anche lei si accorse della mia eccitazione, quando mi chiese “forse non dovrei dirti certe cose, ti metto in imbarazzo?”
Le risposi di no, e le dissi che mi piaceva tanto il fatto che ci fossimo aperti così l'uno all'altra, e mi venne spontaneo poggiare le mie labbra sulle sue.
Fu un gesto delicato, ma pieno di sensualità: lei inizialmente lasciò le sue labbra socchiuse, ma ben presto fece capolino la sua lingua, dolce e decisa che iniziò a piroettare con la mia in un morbido abbraccio.
Non saprei dirvi che sapore avesse la sua bocca, ma sicuramente era il più buono che avessi mai assaporato.
Preso dall'eccitazione mi venne quasi spontaneo posare la mia mano sui suoi seni, anche se dopo pochi attimi la ritrassi, timoroso del fatto che potesse darle fastidio.
Fu lei che invece me la prese e la rimise sulle sue rotondità, costringendomi a bearmi della loro morbidezza.
Continuammo così per diversi minuti, e quando ci staccammo fu spontaneo per me esclamare “Wow!”.
Lei sorrise con estrema grazia e si riavvicinò, stavolta con decisione, per deliziarmi con un bacio veramente caldo e sensuale!
Io, vincendo ogni timore, infilai la mano sotto il suo golfino, ed incontrando la soffice stoffa del reggiseno andai oltre e presto mi ritrovai tra le dita un capezzolo duro come il marmo.
Lo solleticai e lo strinsi con delicatezza, e lei mi fece percepire subito la sua approvazione, con un leggero ancheggiamento del busto.
Era una situazione inaspettata e capii che forse avrei dovuto giocarmi il tutto per tutto.
Con l'altra mano allora, scostai la mini e trovai gli slip già abbondantemente umidi dei suoi umori.
Accarezzai attraverso il tessuto le sue labbra, gonfie e morbide, avvertendo nella profondità dei miei calzoni una eccitazione senza pari.
Credo che anche lei avesse voluto rompere subito gli indugi e allo stesso modo posò la sua mano sulla mia patta, accarezzando la lunghezza del mio cazzo prigioniero dei miei jeans ormai troppo stretti!
Forse intuendo la mia sofferenza, mi slacciò la cintura e mi scostò i pantaloni, e abbassandomi gli slip portò alla luce i miei 20cm di carne dura e pulsante.
Fu lei che allora, fermandosi un attimo dal nostro lingua in bocca, mi rifece il verso con un sonoro “Wow!”, strappandomi un sorriso.
Il momento di tregua durò veramente poco perchè ritornammo a limonare come dei forsennati, mentre lei impugnando il mio tarello iniziò una lenta sega che mi avrebbe portato ben presto ad un orgasmo super.
D'altro canto, io avevo sapientemente scostato la stoffa degli slip, mettendo alla luce le sue labbra circondate da una soffice peluria castana, e mi prodigai nell'accarezzargliele con decisione, costringendola a mugolare mentre ci baciavamo.
Doveva sicuramente apprezzare non poco quel trattamento, dato che il suo bacino cominciò una danza che assecondava i miei movimenti, e che mi invitava a penetrare la sua caverna con le mie dita, cosa che presto mi premurai di fare.
Il calore che avvolgeva le mie dita trasmetteva gli stimoli fino al mio cervello e da lì fino al mio uccello, catturato dalla sua manina che continuava con il suo su e giù.
Quasi in sincrono esplosi nel mio orgasmo liberatorio, mentre anche lei mi catturava la mano tra le sue cosce serrate e che vibravano tese dal piacere che in quel momento le mie dita le stavano offrendo.
Ci fermammo allora un attimo per riprendere fiato, guardandoci negli occhi e rendendoci conto di quello che avevamo appena provato.
I suoi occhi dicevano molto più di quello che mille parole avrebbero potuto fare, e come prova del fatto, lentamente si portò la mano sporca del mio seme alla bocca assaporando con voluttà quel liquido che dimostrava il piacere che era riuscita a regalarmi.
Anche a me venne spontaneo portare le mie dita, che poco prima avevano torturato il dolce nido della sua vulva, alla mia bocca, deliziandomi di come potesse essere buono e fragrante l'odore di una donna,
Forse un po' ingenuamente le confessai di non aver mai sentito un sapore più buono, e lei quindi prendendo la palla al balzo, si abbassò prima la gonna e poi gli slip, mettendo in mostra il suo monte di venere, dal colore castano e luccicante ancora del suo piacere.
Mi disse allora:”non avresti voglia di assaggiarmi ancora? Perchè non ti accomodi?”
Non me lo feci ripetere due volte, e affondai col mio viso tra le sue cosce, dentro il paradiso che mi stava offrendo, riempiendomi le narici di quell'odore muschioso e penetrante che solo una donna può avere e può donare ad un uomo!
La mia lingua incontrò ben presto il suo clitoride e iniziò a leccarlo con decisione, mentre le mie mani trafficavano indisturbate tra i suoi capezzoli ritti, riempiendosi di quelle rotondità.
Anche lei voleva lasciarmi, evidentemente, un bel ricordo di quella giornata, e posizionandosi di traverso, riuscì ben presto a sfilarmi i jens e gli slip, e catturò il mio uccello, di nuovo ben ritto, tra le sue dolci labbrucce, incominciando un pompino pieno di calore e sensualità.
Non avrei potuto dire se fosse esperta o meno, visto che anche io ero povero di esperienza, ma forse era l'istinto che ci diceva come muoverci, se alla fine questo 69 era diventato un'esperienza aldilà della ragione.
Io leccavo come un pazzo le sue labbra, le sue cosce, il suo clitoride e riempivo la mia bocca dei suoi umori che copiosi sgorgavano da quella fessura.
Anche lei parallelamente, leccava il mio glande, l'asta e di tanto in tanto anche le palle gonfie di sborra.
Era veramente qualcosa di indicibile, e il nostro reciproco impegno ben presto dette i suoi frutti: ad un tratto mi ritrovai la bocca piena di un liquido salato e profumato, che non ebbi alcuna difficoltà a mandare giù con estrema voluttà.
Anche lei si ritrovò piena del mio sperma che ancora una volta abbondantemente lasciava il mio uccello per incontrare le sue labbra.
Eravamo sudati, accaldati, ma estremamente appagati.
Mi voltai subito per incontrare la sua bocca e baciarla con una passione che non aveva precedenti.
I miei umori si mescolavano ad i suoi sulle nostre labbra, e le lingue accarezzavano ogni angolo della bocca per assaporare quei liquidi che avevano segnato la nostra passione.
Dopo diversi minuti, passati a limonare e a coccolare con le mani i rispettivi sessi, ormai un po' stanchi, pensammo bene di rivestirci e di tornare indietro a casa, visto che tra breve avremmo pranzato.
Fu una domenica che non dimenticai tanto facilmente, e purtroppo non vidi più Valeria per diverso tempo, ma quel ricordo mi segnò nelle mie esperienze a venire.

Ciao. Sono Stefano e sono di Milano.
Mi piace scrivere racconti delle mie esperienze e non solo.
Scrivo per diletto e perché no, per fare nuove conoscenze!
Quindi se il racconto ti è piaciuto, se vuoi propormi suggerimenti, critiche, se vuoi saperne di più di me, ti prego di scrivermi alla mia mail:sense40@hotmail.it